Depliant  Storia & Foto Foto-parade Mappe di Gavi Accoglienza  Meteo
 Alluvione del '77
Lavagnina-sicità  Gaviese Storia & Foto  Gavi DOCG Quotidiani & News
Videos Gavi: Pressentaz/Storia/Leggenda - Capitale dei Lemurini - Il Forte - Il Cortese - Di Gavi in Gavi

                        Gavi o Cortese di Gavi DOCG

Il Gavi o Cortese di Gavi, DOCG: il suo nome deriva per l'appunto dalla città , che si trova al centro della zona di produzione, e del vitigno a bacca bianca autoctono da cui è fatto. Grazie alla sua vicinanza con la Liguria, la sua vinificazione e le tradizioni gastronomiche sono più liguri che Piemontese, il che potrebbe spiegare la brillantezza, il profumo e il gusto fruttato di questo vino bianco.
Nonostante sia più strettamente collegata in stile con i vini della sua regione vicina, il Gavi è considerato un gioiello bianco fiore all'occhiello piemontese. Ha conquistato il Docg nel 1998 e le sue vigne si trovano principalmente nelle colline dei comuni della provincia di Alessandria di cui fanno parte: Gavi,
Bosio, Capriata d'Orba, Carrosio, Castelletto d'Orba, Francavilla Bisio, Novi Ligure, Parodi Ligure, San Cristiforo, Serravalle Scrivia

Il Gavi o Cortese di Gavi DOCG fu uno dei primi vini bianchi ad acquisire fama internazionale ed è tuttora considerato uno dei top-ranking bianchi italiani oggi.
Ottenuto esclusivamente da uve Cortese, una varietà che ha un patrimonio che risale al 1600, è un vino che rispecchia il suo territorio. Si fa notare per il suo carattere asciutto e una sottile e fresca acidità, provenienti dai terreni ricchi di minerali del territorio, l'influenza della brezza marina proveniente attraverso l'Appennino Ligure dal mare del vicino Golfo di Genova. Il bouquet è particolarmente floreale, offrendo profumi delicati che ricordano fiori di biancospino, limoni, mele verdi e miele. E 'un vino equilibrato, distintamente fruttato che lascia un sentore di di mandorla nel palato. Non  mostra grande potenziale alcolico, ma è sicuramente un vino longevo.
Prodotto in varie versioni,
in  versione spumante e nella cantina di alcuni produttori la maturazione in barile.

Stupendo come aperitivo va degustato freddissimo a 6°-8°C; in tavola meglio se a 12°C. Si accompagna ottimamente con antipasti magri, primi piatti con salse a base di pesce.
Gavi è generalmente considerato un partner eccellente per frutti di mare.

La denominazione di origine controllata e garantita "Gavi" o "Cortese di Gavi", già riconosciuta come denominazione di origine controllata con decreto del Presidente della Repubblica 26 giugno 1974, é riservata ai vini bianchi che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione.
Tali vini sono i seguenti:
Tipologia Tranquillo: Frizzante: Spumante: Riserva:  Riserva Spumante metodo classico.

Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione di vini a denominazione di origine controllata e garantita "Gavi" o "Cortese di Gavi" devono essere quelle tradizionali della zona, e comunque atte a conferire alle uve e al vino derivato le specifiche caratteristiche di qualità. Sono pertanto da considerare idonei unicamente i vigneti collinari di giacitura ed orientamento adatti ed i cui terreni siano di natura calcarea-argillosa-marnosa, con esclusione delle giaciture pianeggianti ed umide di fondovalle. I sesti di impianto, le forme di allevamento ed il sistema di potatura nei nuovi impianti devono essere quelli tradizionali, e comunque atti a non modificare le caratteristiche delle uve e del vino. I nuovi impianti ed i reimpianti dovranno avere un numero di ceppi per ettaro non inferiore a 3.300. La resa massima di uva per ettaro dei vigneti, in coltura specializzata, destinati alla produzione di "Gavi" o "Cortese di Gavi" "tranquillo", "frizzante", "spumante" non deve essere superiore a 9,5 tonnellate; per le tipologie di cui sopra che utilizzino la menzione "vigna" la resa massima di uva per ettaro dei vigneti non deve essere superiore a 8,50 tonnellate; la resa massima di uva per ettaro dei vigneti, in coltura specializzata, destinati alla produzione di "Gavi" o "Cortese di Gavi" "Riserva" e "Riserva Spumante metodo classico" non deve essere superiore a 6,50 tonnellate. Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la produzione massima per ettaro in coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto all'effettiva superficie coperta dalla vite. Per la produzione di "Gavi" o "Cortese di Gavi" "tranquillo", "frizzante", "spumante", che utilizzi la menzione "vigna", il vigneto, di età inferiore ai sette anni, dovrà avere una resa ettaro ulteriormente ridotta
.

 

 

 

 

 

 

 

 

The wine "Gavi", or wine Cortese of Gavi DOCG:
Its name derives
comprehensibly from the town, which is at the centre of the production zone, and the indigenous white grape variety from which it is made. Due to its close proximity with Liguria, its winemaking and gastronomic traditions are more Ligurian than Piemontese, which could explain the light and fruity style of this white wine.
Despite being more closely linked in style with its neighboring region
Liguria Gavi’s wines, is still considered Piedmont’s white jewel in the crown. It gained DOCG status in 1998 and its vineyards are mainly found in the hills of the communes in the province of Alessandria of which the most prominent are Gavi, Bosio, Capriata d'Orba, Carrosio, Castelletto d'Orba, Francavilla Bisio, Novi Ligure, Parodi Ligure, San Cristiforo, Serravalle Scrivia

Gavi was maybe Italy’s white wine to gain international repute and is still considered one of the top-ranking Italian whites today. Made exclusively from the Cortese grape, a variety which has a heritage dating back to the 1600s, this is a wine that reflects its terroir. It is noted for its bone-dry character and crisp, flinty and fresh acidity, coming from the mineral-rich soils of the area, the influece of the maritime breeze coming trough the Apennines from the sea of the near Genova. The bouquet is particularly floral, offering delicate aromas reminiscent of white flowers, lemons, green apples and honeydew. It is a well-balanced wine, distinctly fruit driven with underlying hints of almonds on the finish. It may not display great potential alcohol but it is certainly an age-worthy wine. A foaming spumante version is also made and some producers' wines will undergo barrel maturation.

Superb as an aperitif should be drunk cold to 6 ° -8 ° C; On the table  better if at 12 ° C. It goes well with light appetizers, pasta dishes with sauces made from fish.
Gavi is generally considered to be an excellent partner for seafood.

The denomination of controlled and guaranteed origin "Gavi" or "Cortese di Gavi", already recognized as a designation of origin by the President of the Republic in June 26, 1974, is reserved for white wines that meet the conditions and requirements set out in these regulations production.
These wines are as follows:
TranquilloType:
Frizzante: Spumante: Riserva:  Riserva Spumante metodo classico.

Standards for viticulture
Environmental conditions and cultivation of vineyards producing wines with the denomination of controlled and guaranteed origin "Gavi" or "Cortese di Gavi" must be the traditional one to be able to give the grapes and the wines the specific characteristics quality.Are therefore considered to be suitable only the hilly vineyards of position and orientation suitable and whose ground is limestone and clay-marl, excluding giaciture plains and wetlands in the valley. The planting layouts, types of cultivation and pruning systems in new plants must be traditional, and not in any way change the characteristics of the grapes and wine. The new plants and replanting will have a number of plants per hectare that is not less than 3,300. The maximum yield of grapes per hectare of the vineyards, such cultivation, for the production of "Gavi" or "Cortese di Gavi" "Tranquillo", "Frizzante", "Spumante" must not exceed 9.5 tons; for the types mentioned above that use the term "vineyard" and the maximum yield per hectare of vineyards shall not exceed 8.50 tons; the maximum yield per hectare of vineyards, such cultivation, for the production of "Gavi" or "Cortese di Gavi" "Riserva" and "Riserva Spumante classical method" must not exceed 6.50 tons. Notwithstanding the aforesaid limit, the maximum production per hectare in mixed cultivation must be calculated in relation to the actual area covered by vines. For the production of "Gavi" or "Cortese di Gavi" "Tranquillo", "Frizzante", "Spumante", which uses the term "vineyard", the vineyard, under the age of seven, will have a hectare yield further reduced.

   

Approfondite informazioni sul disciplinare della D.O.C.G. "GAVI" o "CORTESE DI GAVI"
http://www.consorziogavi.com/index.php/it/gavi-docg-ita/il-disciplinare-ita

Scaricate il disciplinare PDF dal sito della Regione Piemonte

For more info about The Product Specification D.O.C.G. "GAVI" or "CORTESE DI GAVI"
http://www.consorziogavi.com/index.php/en/gavi-docg-eng/il-disciplinare-eng 
 Download the PDF disciplinary from the site of Regione Piemonte         

 Depliant  Storia & Foto Foto-parade Mappe di Gavi Accoglienza Meteo
 Alluvione del '77
Lavagnina-sicità Gaviese Storia & Foto Gavi DOCG Quotidiani & News
Videos Gavi: Pressentaz/Storia/Leggenda - Capitale dei Lemurini - Il Forte - Il Cortese - Di Gavi in Gavi

Visitate il sud del Piemonte click Elidio's sites

Il sito della valle dell'Orba   Elidio's service     www.elidio.it
Elidio 2003 -  Aggiornato il: 24-05-17 .          Contatore visite